Nel blu dipinto di blu

Anche dal punto di vista naturalistico il Messico è ricco di veri e propri gioielli, assolutamente “da non perdere”!

A Baja California potrete assistere ad uno spettacolo incredibile: ogni anno tra gennaio e marzo le balene grigie compiono una migrazione di 9700km partendo dal mare di Bering e dirigendosi proprio nelle tiepide acque della Baja California! Potrete vederle praticamente da qualsiasi paese affacciato sul mare, la laguna di Ojo de Libre ha la fama di essere il luogo in cui si concentra il maggior numero di balene.

Spostandoci verso la penisola dello Yucatan, vi consiglio di andare alla scoperta dei Cenotes, delle specie di grotte con all’interno delle vasche naturali di acqua dolce. Ce ne sono moltissimi, ma quello che vi consiglio di non perdere (anche se è forse il meno accessibile) è il Cenote Dzitnup: si trova vicino a Valladolid, non fatevi sfuggire la possibilità di fare un bagno in questo posto incantato!

Foto di Adam Baker

Un altro spettacolo da non perdere è il Canyon del Sumidero. È un’impressionante spaccatura nella terra, si trova a pochi chilometri da Tuxtla Gutierrez, è attraversato dal rio Grijalva che vi scorre in direzione nord. È possibile ammirarlo dall’alto da un paio di “miradores” raggiungibili tramite una strada che proviene da Tuxtla, oppure attaversarlo in barca.

Ultime, ma non certo per importanza, le cascate di Agua Azul, dove decine di cascate di un bianco abbagliate precipitano in specchi d’acqua turchesi incorniciati dalla giungla. Per potere ammirare al massimo il loro splendore vi consiglio di andarci tra aprile e maggio.

Advertisements

2 pensieri su “Nel blu dipinto di blu

I commenti sono chiusi.